Panettone 2020: un omaggio all'apprendistato

Panettone 2020: un omaggio all'apprendistato

Con il panettone non si finisce mai d’imparare: questa la lezione del Forno Brisa che considera il lievitato natalizio un progetto corale in cui anche i professionisti non smettono mai di essere apprendisti.

Il panettone 2020 del Forno Brisa è un omaggio all’apprendistato perchè, come dice Pasquale Polito “Far panettoni significa imparare ogni anno cose nuove: la fermentazione non è una scienza esatta, e chiedere consigli ai colleghi, aiutarsi anche di notte, imparare dagli altri è assolutamente normale. Siamo tutti apprendisti, e lo siamo per la vita, dal primo giorno in cui entriamo in un laboratorio”.

Oggi, nel laboratorio del Forno Brisa il panettone lo fa una squadra di giovanissimi, alcuni dei quali alla loro prima esperienza: Gianluca 24 anni, Chiara (21) e Claudia (26) allievi ad Alma di Ezio Marinato; Michela che nonostante i suoi 21 anni è già alla terza stagione di panettone, una “veterana”. Il loro panettone è il risultato di un’evoluzione costante, cominciata con la primissima ricetta e mescolata di anno in anno coi lasciti dei tanti che sono passati in laboratorio. Perchè il panettone è l’occasione in cui si torna tutti apprendisti: è il momento per mettere in discussione le abitudini, provare a mescolare le conoscenze per migliorare. Il primo mentore del panettone che ospitò i giovani Brisa, ancora studenti a Pollenzo, fu Gianfranco Fagnola, panificatore di Bra. Dopo di lui seguirono Longoni, Bonci e tantissimi altri.

“Il panettone artigianale è diverso ogni anno. Quello del 2020 è frutto dei consigli che ci scambiamo con tanti professionisti che desideriamo ringraziare pubblicamente: oltre a Gianfranco Fagnola e Davide Longoni, ci sono Ezio Marinato, Giuliano Pediconi, Luca Cantarin, Renato Bosco, Eros Vicentini di Panificio Moderno, Adriano del Mastro, Gregorio Di Agostini e anche tutti coloro che sono passati dal nostro laboratorio pensando solo di imparare e che, invece, hanno contribuito a rendere il panettone sempre più buono, con le idee oltre che con le loro mani”.

Il panettone per il Forno Brisa è La Ricetta Rubata per eccellenza: è il risultato di una contaminazione costante, di apertura, condivisione e remix delle conoscenze. È un progetto corale, proprio come il libro “Ricette Rubate per artigiani, sognatori e startupper”, appena pubblicato e realizzato dopo la campagna di equity crowdfunding che ha raccolto 357 soci e 1,2 milioni di euro di adesioni. 

Dalla campagna sono scaturiti altri spin-off del Forno, come le due linee di produzione di cioccolato Bean to Bar e di caffè tostato nella roastery, inaugurata lo scorso autunno. I caffè e il cioccolato autoprodotti sono protagonisti dei gusti speciali del panettone 2020: oltre al Classico, infatti, sono disponibili quello Albicocche e Cioccolato, il Gianduia e lo Speciale al Caffè. La stretta collaborazione tra artigianato e arte è ormai abitudine del Forno e la scatola di questo è anno è un disegno dell’artista Never2501.
 

Il panettone è disponibile in tutti gli store del Forno Brisa e online su shop.fornobrisa.it 

Forno Brisa, Panettone 2020
Prezzo: 35€ 
Peso: 880 g

Gusti: 

  • Panettone Classico
  • Panettone Albicocche e Cioccolato
  • Panettone Gianduia
  • Panettone speciale al Caffè

Dove trovarlo: 

  • online su https://shop.fornobrisa.it/ 
  • Forno Brisa via Galliera 34D Bologna
  • Forno Brisa via Castiglione 43 Bologna 
  • Forno Brisa via San Felice 91A Bologna
  • Cortilia 
  • Cosaporto 
Maggiori informazioni su Forno Brisa

Capitanato da Pasquale Polito e Davide Sarti, Brisa è molto più di un forno: è un progetto dedicato alla panificazione animato dal desiderio di restituire al pane la sua essenza di “prodotto alimentare”, in grado di far bene ai territori e alle persone.
Il Forno Brisa ha scelto Bologna come scenario in cui lavorare insieme a un team di ragazzi con un’età media di circa 29 anni, che panifica di giorno e non di notte e s’ispira al saper fare di agricoltori, mugnai, vignaioli e scienziati. I Brisa sono un miscuglio evolutivo, come il miscuglio di grani coltivato nei campi di proprietà a Nocciano, in Abruzzo. 
Sfornano quotidianamente pane di grandi formati, realizzato con lievito madre e farine di tipo 2 o integrali, macinate a pietra: ogni pagnotta racchiude una zolla di terra, buone pratiche agricole, molitorie e di lavorazione, oltre che relazioni umane sincere.
Nel 2020 Forno Brisa ha lanciato, sulla piattaforma di MamaCrowd, una campagna di equity crowdfunding da record in ambito food che ha raccolto 359 soci oltre a 1,2 milioni di euro di adesioni. 
È possibile acquistare i loro prodotti in store o sullo shop online: https://shop.fornobrisa.it.

Forno Brisa
- via Galliera 34D, Bologna
- via Castiglione 43, Bologna
- via San Felice 91, Bologna
- via Nicolò dall’Arca 16, Bologna
T. +39 051 248556