Chi sono i Breaders?

Chi sono i Breaders?

I breaders, fratelli di pane, sono trentadue ragazzi con un’età media di circa 29 anni.

Lavorano tutti da Brisa e Teglia Paradise Pizza. Sono un miscuglio evolutivo, come il miscuglio di grani che usano per fare il pane o il miscuglio di lieviti e batteri lattici della loro pasta madre. Hanno tanti sogni e storie diversi.

 

Pasquale Polito
Arrivato a Bologna nel 2006 per seguire l’amore e per laurearsi in Geografia, Pasquale ha iniziato a dedicarsi al pane nella cucina del suo appartamento, dove la panificazione si è gradualmente imposta sul percorso di studi. 

“Trasformare qualcosa e realizzare una pietanza è il mio modo di esprimere l'amore, di dare, di darmi. Gli amici hanno iniziato ad apprezzare il mio pane e sono passato in breve tempo dalla pianificazione urbanistica alla panificazione urbana.”. Nell’estate del 2013 ha partecipato a un forum di panificazione contadina dove ha approfondito la filiera del cereale e sviluppato la passione per i grani antichi, oggi pilastro della filosofia di Brisa. Dopo il master “Alto apprendistato per panettieri e pizzaioli” di Pollenzo, hanno fatto seguito due stage presso il Panificio Davide Longoni e il Panificio Bonci a Roma.


Davide Sarti
Quella di Davide Sarti è stata una rottura con il passato che gli ha permesso di riscoprire le sue radici: proveniente da dieci anni di attività come graphic & web designer, Davide ha deciso di tornare al pane e seguire il mestiere del nonno. 

 “Mi sono occupato a lungo di comunicazione, ma c’era qualcosa che non mi tornava: il problema era legato al messaggio. Ho prodotto opere intangibili così a lungo che desideravo dare alla luce un prodotto che si potesse toccare e spezzare, essenziale anche se umile, semplice anche se complesso: il pane. Mio nonno era fornaio, il pane nella mia famiglia ha sempre avuto un ruolo importante, è venuta quasi spontanea l'idea di riprendere la tradizione di famiglia. Lavorare di notte, usare le mani, creare”. 

Maggiori informazioni su Forno Brisa

Capitanato da Pasquale Polito e Davide Sarti, Brisa è molto più di un forno: è un progetto dedicato alla panificazione animato dal desiderio di restituire al pane la sua essenza di “prodotto alimentare”, in grado di far bene ai territori e alle persone.
Il Forno Brisa ha scelto Bologna come scenario in cui lavorare insieme a un team di ragazzi con un’età media di circa 29 anni, che panifica di giorno e non di notte e s’ispira al saper fare di agricoltori, mugnai, vignaioli e scienziati. I Brisa sono un miscuglio evolutivo, come il miscuglio di grani coltivato nei campi di proprietà a Nocciano, in Abruzzo. 
Sfornano quotidianamente pane di grandi formati, realizzato con lievito madre e farine di tipo 2 o integrali, macinate a pietra: ogni pagnotta racchiude una zolla di terra, buone pratiche agricole, molitorie e di lavorazione, oltre che relazioni umane sincere.
Nel 2020 Forno Brisa ha lanciato, sulla piattaforma di MamaCrowd, una campagna di equity crowdfunding da record in ambito food che ha raccolto 359 soci oltre a 1,2 milioni di euro di adesioni. 
È possibile acquistare i loro prodotti in store o sullo shop online: https://shop.fornobrisa.it.

Forno Brisa
- via Galliera 34D, Bologna
- via Castiglione 43, Bologna
- via San Felice 91, Bologna
- via Nicolò dall’Arca 16, Bologna
T. +39 051 248556